Il meglio e il peggio del derby altoatesino

Primi verdetti dal massimo campionato di hockey su ghiaccio, che ha regalato, all´esordio, uno scoppiettante derby tra Renon e Bolzano. Bene i padroni di casa in avvio, ma grande ritorno dei biancorossi, che hanno il merito di non perdere mai la bussola anche dopo una partenza tutta in salita. Di seguito il nostro personalissimo Up & Down.

Chi sale:

Nick Mazzolini – La seconda linea del Bolzano fa male e appare già ben rodata. Lo statunitense, con una doppietta come Mike Souza, mette la sua firma sul successo dei Foxes, dimostrando anche in un match vero quanto di buono fatto vedere nel pre campionato. Acquisto azzeccato.
02_scalatore_800.jpg
Roland Ramoser – Passano gli anni ma lui c´è sempre. Si trattava di una partita speciale, quella dell´esordio ufficiale davanti ai suoi nuovi tifosi e, nello stesso tempo, la prima contro il “suo” Bolzano. Rolly risponde da campione, segnando e risultando l´uomo più pericoloso dei vice campioni d´Italia sotto porta. Il tramonto è ancora lontano.

Matt Zaba – Pronti via e due dischi sono già alle sue spalle. Ma come? Non doveva essere uno dei migliori portieri del campionato? Il ragazzo si riprende subito, come il resto della squadra, e da metà primo tempo in poi non passa più nulla. Muro.

Chi scende:

Antti Nyrhinen – Tanto bene in finale di Supercoppa, tanto male ieri in campionato. L´uomo venuto dal Nord appare stralunato e troppo sicuro di sè, tanto da mettere più volte in difficoltà la propria squadra. La classe c`è, ma ci vuole più costanza e meno supponenza. Quando a scuola passi da un 8 a un 4, i professori iniziano a prenderti di mira.LaChute.jpg

Colton Fretter – Nessuna bocciatura, intendiamoci. Gli occhi però erano puntati tutti su di lui e la condizione approsimativa non ha aiutato il ragazzo. Sicuramente le sue prestazioni cresceranno, ma quanto fatto vedere all´Arena Ritten non è sufficiente.

Luca Ansoldi – Non si discute la forza del giocatore, ma alcune reazioni nei confronti del pubblico andrebbero limitate. L´attaccante di scuola meranese è stato cotto a puntino dalla curva biancorossa, ma la sua colpa è quella di esserci cascato come un pollo. Più testa e meno cuore per il futuro.

 

Fuori concorso:
Una menzione particolare, poi, alla nuova perla dell´altopiano. Brillante sul ghiaccio e al bancone, si definisce il nuovo Corupe. Per la privacy non facciamo nomi, ma un occhio attento potrà facilmente capire di chi si tratta.

cartoon_spongebob-4851.jpg

Il meglio e il peggio del derby altoatesinoultima modifica: 2010-09-24T10:36:06+00:00da tl-pg
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento