Ah però!

Comunicato ufficiale HC Merano Junior:

Durante la riunione del consiglio di amministrazione di oggi è stata presa la decisione di affidare la guida della prima squadra a Robert Chizzali. Esa Sirén andrà con molta probabilità a ricoprire il ruolo di allenatore nel settore giovanile delle aquile meranesi.

Chizzali ha davanti a se una grande sfida in quanto questa è la sua prima esperienza come Head Coach di una squadra di A2. Fino ad oggi Chizzali ha lavorato per alcuni club rinomati come il Bolzano ed il Caldaro, ma sempre nei panni del Assistent Coach.

Il direttivo del HC Merano L.E.A. è orgoglioso di avere ricoperto la posizione del Head Coach con un altoatesino. Sicuramente ci vorrà un po’ di tempo per vedere i frutti del suo lavoro sul ghiaccio, ma tutto il direttivo augura a Robert un sincero in bocca al lupo per la nuova posizione!

images.jpeg

 

 

 

 

 

Diciamo la nostra:

Un sincero in bocca al lupo a Robert Chizzali ed una bella tirata d’orecchie alla società bianconera, la quale non ha certo gestito con attenzione il capitolo allenatore, portandosi appresso un errore commesso nella scorsa stagione. Esa Sirén, infatti, era arrivato nella città del Passirio alla vigilia dello scorso campionato, ma già in quell’occasione ci si era accorti come lo spogliatoio non fosse proprio dalla sua parte, dovendo richiamare in Alto Adige Bruno Aegerter per riuscire a trascorrere un’annata tranquilla. Con la partenza dello svizzero il problema si è puntualmente riproposto: giocatori e coach immediatamente ai ferri corti.
Anche in questa circostanza, però, invece di prendere una decisione drastica, si è pensato a mettere una pezza, con la prima squadra affidata a Chizzali e con Esa Sirén sempre lì, nel bene o nel male, a gravitare nelle squadre del settore giovanile. Che dire, davvero singolare…possiamo solo fare i complimenti all’allenatore finlandese, il quale in quanto a clausole di contratti deve saperla davvero lunga!

mutui1-300x225.jpg

Ah però!ultima modifica: 2010-10-23T21:39:00+00:00da tl-pg
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento